P.zza Giovanni XXIII, 2 - 22044 Inverigo (Co)

Impianto a carico Immediato

Impianto a carico Immediato

L' impianto a carico immediato ha lo scopo di riabilitare un'intera arcata dentale tramite un protesi fissa installabile, appunto, subito per ristabilire le funzioni masticatorie ed estetiche dei denti.

Si parla di carico immediato e carico differito per indicare due tecniche ben distinte, che fanno della tempistica di inserimento delle protesi fissa cementata, la principale differenza.

Impianto a carico immediato

La tecnica del carico immediato prevede l'applicazione di provvisori cementati subito dopo aver inserito i perni in titanio all'interno dell'osso. Essa infatti permette, con un solo intervento, di risolvere i problemi di edentulismo (mancanza di denti).
Il vantaggio più importante per i pazienti è quello di riacquistare in un solo intervento sia le funzioni masticatorie che l’estetica in quanto il paziente ha entro le 24 ore i denti fissi senza dover attendere i canonici tempi di guarigione.

Per poter eseguire la tecnica del carico immediato è fondamentale che vi sia una condizione ossea favorevole, ovvero deve essere presente una quantità di osso sufficiente per l'inserimento degli impianti stessi ma anche di una buona qualità dell'osso. In caso contrario si procederà all'impiego della tecnica convenzionale, ovvero del carico differito.

Guarda le immagini di un caso clinico reale dell'implatologia a carico immediato

Impianto a carico immediato su singolo impianto

L’impianto può essere inserito quando l’elemento dentario è già mancante oppure a seguito di un’estrazione che in tal caso viene effettuata nello stesso momento in cui si inserisce l'impianto dentale. Dopo circa tre o quattro mesi con il provvisorio fisso, viene eseguita e posizionata la corona definitiva avvitata o cementata.

Normalmente questa tecnica viene applicata per la riabilitazione dei denti anteriori, ovvero del gruppo estetico, mentre il carico immediato sui denti molari è sconsigliato poiché sono sottoposti ad un carico masticatorio più intenso e si trovano in una posizione in cui l’osso mascellare è più esiguo. Inoltre, in questi settori posteriori, non vi sono particolari richieste estetiche tali da rendere necessario il ricorso al carico immediato.

Impianto a carico differito

La tecnica del carico differito, invece, prevede che gli impianti tradizionali rimangano inseriti all'interno dell'osso, mandibolare o mascellare, per un periodo dai 4 ai 6 mesi e nascosti sotto la gengiva.

Trascorso questo periodo, l'implantologo eseguirà un secondo intervento per la preparazione alla protesi definitiva. Nel caso di impianti a carico immediato, invece, non è necessario alcun secondo intervento chirurgico.

Per questo è importante sottoporsi a visita specialistica, gratuita e senza alcun impegno presso la Struttura, in modo da poter definire la miglior tecnica da applicare, i tempi di guarigione e le fattibilità. La visita deve essere sempre supportata da esami radiologici tipo ortopantomografie e ove necessario Tac Cone Beam 3D, tutto eseguibile presso il Centro Medico Villa Romanò a costi ridotti.

Condizioni ideali per un carico immediato

RIASSUMENDO, le condizioni ideali per eseguire un carico immediato sono le seguenti:

  • Avere una stabilità primaria degli impianti dentali superiore ai 35 Ncm: l’avvitamento degli impianti in fase chirurgica di posizionamento deve necessariamente raggiungere almeno i 35 Ncm per garantire la stabilità primaria ovvero un ancoraggio all'osso sufficientemente stabile da non determinare una precarietà della vite nell'osso.
  • L’Osso Naturale deve essere Sufficiente: ovvero avere una quantità di osso sufficiente e quindi ove non è necessario applicare tecniche di rigenerazione dell’osso ovvero inserimento di osso sintetico contestualmente all’intervento di inserimento degli impianti;
  • Buon Supporto Paradontale: senza malattia paradontale e quindi le gengive sane.
  • Assenza di Bruxismo (digrignamento dentale);
  • Buon Bilanciamento Occlusale ovvero un corretto piano occlusale masticatorio;